14 settembre 2021, La Repubblica,

Ali Maisam Nazary, è il responsabile delle relazioni internazionali del Fronte Nazionale di Resistenza dell’Afghanistan guidato da Ahmad Massoud, figlio del “leone del Panshir”, leader dell’Alleanza del Nord e ucciso dai talebani vent’anni fa, due giorni prima dell’attentato alle Torri Gemelle. Lo raggiungiamo telefonicamente dopo che i Talebani sono entrati nella Valle del Panshir.

I Talebani hanno annunciato di avere occupato la Valle del Panshir. Qual’è la situazione sul terreno?

I talebani hanno occupato la strada principale a fondo valle e il capoluogo Bazarak, mentre il Fronte Nazionale di Resistenza controlla ancora il 65% della provincia del Panshir, quindici valli laterali, tutte le posizioni strategiche, tutti i passi in alta montagna. I Talebani stanno espellendo migliaia di cittadini dal Panshir con un’operazione di pulizia etnica. Centinaia di giovani sono stati arrestati e portati in una località sconosciuta e non conosciamo il loro destino. In più sono già stati uccisi oltre cento civili. Richiamo una grave crisi umanitaria e la comunità internazionale deve fermare questi crimini di guerra. 

Il Pakistan è stato coinvolto nelle operazioni militari dei talebani nella Valle del Panshir?

Si, c’è stato un supporto aereo straniero con droni ed elicotteri alle operazioni militari dei talebani. Tale azione è stata anche confermata da diverse intelligence internazionali e dallo US CentCom.

Come sta il Comandante Ahmad Massoud?
Ahmad Massoud sta bene e guida la resistenza.

Ci può dire qualcosa sui rapporti fra i Talebani e l’ISIS-Khorasan?

Non vediamo alcuna reale differenza fra di loro: hanno la stessa ideologia jihadista e la stessa cultura totalitaria. Pensi al network di Haqqani: oggi il loro leader Sirajuddin Haqqani è il nuovo Ministro dell’Interno, ed è stato sempre legato prima ad Al Qaeda ed oggi a ISIS-K. Molti comandanti militari del gruppo di Haqqani sono leali ad entrambe le organizzazioni. Il nuovo regime è fatto di terroristi, criminali e narcotrafficanti. La narrativa sui “talebani moderati”, che ha affascinato diversi esponenti politici in occidente, è sciagurata.

Qual’è il suo giudizio sul governo insediato dai Talebani?

I Talebani di oggi sono peggiori di quelli di 25 anni fa: sono più crudeli, più fondamentalisti, più radicali e più discriminatori di allora. Il cosiddetto nuovo governo che noi consideriamo assolutamente illegittimo è composto da terroristi dichiarati, diversi dei quali ricercati dalla giustizia internazionale. L’occidente ha commesso un grave errore a legittimarli come interlocutori. Il mullah Mohammad Hassan Akhund, futuro primo ministro, ha tutte il carte in regole per guidare uno stato fallito…. continua la lettura su La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.